Italian 1

Download L’Italia dopo l’Italia. Verso la Terza Repubblica by Perry Anderson, Arturo Varvelli, Nicola Zippel PDF

Posted On April 11, 2017 at 8:36 pm by / Comments Off on Download L’Italia dopo l’Italia. Verso la Terza Repubblica by Perry Anderson, Arturo Varvelli, Nicola Zippel PDF

By Perry Anderson, Arturo Varvelli, Nicola Zippel

Scritto da uno degli studiosi più attenti alla storia dell’Italia moderna, questo libro è un resoconto meticoloso e documentato degli ultimi venticinque anni di politica nazionale, inseriti nel più ampio contesto degli eventi europei. Attraverso l’analisi dei maggiori protagonisti e dei partiti sorti dalle ceneri della Prima Repubblica, e dei tatticismi e compromessi che hanno caratterizzato los angeles Seconda, Perry Anderson individua i punti nevralgici che hanno gradualmente determinato los angeles crisi economica, politica e sociale che ancora affligge il nostro Paese. L’indagine dell’autore si spinge fino agli ultimi fatti di cronaca politica, in cui tutti i nodi del recente passato stanno venendo drammaticamente al pettine. Conflittualità tra i poteri dello Stato, degradazione del ruolo del Parlamento, personalismo autoritario del ultimate, inadeguatezza dei piani economici sono solo alcuni dei sintomi più evidenti di una crisi profonda e in apparenza irreversibile. In questa difficile situazione, Matteo Renzi ha buon gioco a presentare il suo governo come l’ultima possibilità di ripresa ma, sostiene Anderson, gli spazi di manovra vanno sempre più riducendosi, mentre il futuro dell’Italia continua a restare pericolosamente incerto.

Show description

Read Online or Download L’Italia dopo l’Italia. Verso la Terza Repubblica PDF

Best italian_1 books

Controstoria del liberalismo

Come spiegare che nell'ambito della tradizione liberale l. a. celebrazione della libertà va spesso di pari passo con l'assimilazione dei lavoratori salariati a strumenti di lavoro e con l. a. teorizzazione del dispotismo e persino della schiavitù a carico dei popoli coloniali? In questo quantity Losurdo indaga le contraddizioni e le sector d'ombra da sempre trascurate dagli studiosi, siglando una controstoria che evidenzia los angeles difficoltà di conciliare l. a. difesa teorica delle libertà individuali con l. a. realtà dei rapporti politici e sociali.

Additional info for L’Italia dopo l’Italia. Verso la Terza Repubblica

Example text

La riforma costituzionale, molto chiacchierata, era stata da subito un mezzo per raggiungere quella elettorale, piuttosto che un fine in se stessa (merce di scambio nei negoziati con la destra, che inizialmente propendeva per un sistema a presidenzialismo forte). Ma gli ex-comunisti non erano i soli a pensare che una drastica riforma elettorale che abolisse il «Mattarellum», un sistema ibrido architettato al capezzale della morente Prima Repubblica cinque anni prima19, fosse il punto di svolta per dare solide fondamenta alla Seconda Repubblica.

In breve, una struttura macroeconomica ortodossa mitigata, quando possibile – Prodi se l’era ripromesso –, dalle tradizionali preoccupazioni sociali. Nel tentativo di raggiungere quest’obiettivo, il governo di centrosinistra si dimostrò coerente ed efficace. Suscitando l’imbarazzata sorpresa dei banchieri tedeschi, gli obiettivi di Maastricht furono raggiunti entro i tempi previsti, l’Italia fece il suo ingresso nell’Unione monetaria e da allora ha potuto beneficiare di un basso tasso d’interesse nel ripagare il proprio debito pubblico.

Storicamente, ciò è senza dubbio una delle ragioni per cui l’Italia è stata a lungo il Paese preferito dagli stranieri. Tedeschi, francesi e inglesi hanno più volte espresso moti di affetto verso di essa che raramente hanno provato l’uno per l’altro, anche se l’oggetto della loro ammirazione è differente. Pochi dei loro commenti non risuonano ancora attuali. Fuggendo dal puritanesimo di Weimar a Roma, Goethe aveva trovato «moralmente benefico vivere nel bel mezzo di un popolo sensuale»1. In Italia, Byron stabilì che «non vi è alcuna legge o governo per tutti, ed è meraviglioso constatare quanto bene le cose vadano avanti senza di loro»2.

Download PDF sample

Rated 4.38 of 5 – based on 14 votes