Italian 1

Download Cecilia o la Disattenzione by Elémire Zolla PDF

Posted On April 11, 2017 at 10:04 pm by / Comments Off on Download Cecilia o la Disattenzione by Elémire Zolla PDF

By Elémire Zolla

Show description

Read Online or Download Cecilia o la Disattenzione PDF

Best italian_1 books

Controstoria del liberalismo

Come spiegare che nell'ambito della tradizione liberale l. a. celebrazione della libertà va spesso di pari passo con l'assimilazione dei lavoratori salariati a strumenti di lavoro e con los angeles teorizzazione del dispotismo e persino della schiavitù a carico dei popoli coloniali? In questo quantity Losurdo indaga le contraddizioni e le region d'ombra da sempre trascurate dagli studiosi, siglando una controstoria che evidenzia los angeles difficoltà di conciliare los angeles difesa teorica delle libertà individuali con los angeles realtà dei rapporti politici e sociali.

Additional resources for Cecilia o la Disattenzione

Example text

Adesso Moli si fa seria, così ancora una volta irretendolo nella trama dei suoi movimenti, spegnendogli il facile sorriso, sicché l'espressione gli resti bianca fin quando ella non gliela detti, così dicendo : « Sì, guarda, è l'immagine grande di Minouche. La medaglietta me l'ha data la nonna, che è religiosa. » Trae una medaglietta di quelle che racchiudono il sacro cuore, di fattura antica, con la comicetta tortile nera, ma dentro non più il cuore in fiamme coronato di spine, non più, ma ancora un nereggiare di matita a rappresentare un pelo, e due palle bianche e una dentatura ed una coda gonfia.

Cosi è da accogliere qualsiasi fatto, assimila inconsapevolmente Cecilia, guardandoli, così come essi accettano il bieco frastuono. Cecilia trangugia una bevanda nè ruvida nè dolce, appena scintillante di gas. Del nome della ditta produttrice è tappezzato il locale e ciò dà ragione e conforto al bere: ordine bisbigliato, cui si obbedisce per disattenzione. Esce infine, nuovamente sgombra e pura: staccate da lei le frecce onde da qualche buia lontananza è stata saettata; anche se tuttora altre le frullano accanto più non se n'accorge, o forse sì, ma al modo d'un pesce che una luce frugante per le acque turba c che con un colpo di pinna si cala più in basso, dove la tenebra è intatta e perfettamente ravvolge, dove isolati l'uno dall'altro altri pesci della stessa specie posano fermi, salvo un brivido di pinna di tratto in tratto.

Sono molto diversi da noi. Non hai sentilo? Hanno occhi che sono topazi e la bocca di acciaio inossidabile. Noi non li vediamo neanche. » « E come fai a sapere che ci sono ? » « Il gatto di Florence mi ha presentato Minouche. » Moli si sporge verso il comodino da notte e ne trae dei fogli quadrettati coperti di disegni. Glieli porge e s'alza a sedere sul letto a guardarlo che li sfoglia. « Lo vedi, Minouche che va al ballo? » È il disegno di un mostro peloso. « Vuoi vederlo, Minouche? » « Sì. » Tira fuori da sotto la coperta un lembo di pelliccia dove son cuciti una chiusura lampo e due vetrini: bocca sormontata da occhi.

Download PDF sample

Rated 4.06 of 5 – based on 3 votes